20112017Ultime Notizie:

Anche l’ANAS si associa agli auguri ed alle congratulazioni x la nomina dell’Assessore Michele Cardamone

ICardamone michelel gruppo consiliare di Forza Italia, assieme all’intero partito, esprimono piena soddisfazione per la nomina ad Assessore del Dr Miche Cardamone, assessore ai Lavori Pubblici, professionista affermato e da sempre impegnato in politica, pertanto delegato unanimemente a rappresentare il partito e la città, nell’organo di giunta.

Siamo certi che egli motiverà ogni sua azione amministrativa, all’insegna della collegialità, dell’interazione con gli uffici e il raccordo con l’intera macchina comunale, per far si che la delega da egli rappresentata, (la quale ha un ruolo determinante), trovi sinergia in giunta e applicazione sul territorio, riportando modernità, sviluppo e motivi di cambiamento territoriale, in un contesto di competenza, passione e costanza, elementi che non di discostano dai vari rappresentanti dei partiti e dalle liste civiche presenti in giunta ai quali, parimenti, va il nostro augurio di buon lavoro.

Non possiamo di conseguenza salutare ed auspicare, la prossima entrata in consiglio del primo dei non eletti Luigi Muraca, il quale non mancherà sicuramente, di dare il suo apporto all’attività politica ed amministrativa della città

Al sindaco Paolo Mascaro, l’auspicio, la speranza e l’augurio che attraverso il suo operato Lamezia, si offra alla prospettiva col segno del cambiamento, per far si, che attraverso una azione programmatica complessiva e di avanguardia, la città ritrovi motivi per ambire ad essere finalmente, la città guida della Calabria”

Insomma Forza Italia, primo partito a Lamezia, si offre quale riferimento di responsabilità, già dimostrata prima, durante e dopo la competizione amministrativa comunale, ed in tal senso si proietta verso il futuro a fianco della città e a sostegno dell’attività amministrativa del governo a guida Paolo Mascaro.

  • Gruppo Forza Italia:  Salvatore De Biase

o   Francesco De Sarro

o   Paradiso Tranquillo

o   Carolina Caruso

Commenta l'articolo