14122017Ultime Notizie:

REGGIO C. :Il Parco Nazionale dell’Aspromonte si affida a 25 nuove Guide

Accompagnare tra i sentieri dell’Aspromonte turisti ed appassionati, raccontare loro storie, aneddoti, tradizioni e peculiarità ambientali.

Il Parco Nazionale dell’Aspromonte si affida a 25 nuove Guide, previste dalla Legge Quadro sulle Aree Protette n° 394/91, che nei giorni scorsi hanno terminato un lungo ed appassionante corso di formazione in collaborazione con l’Istituto PANGEA onlus – Istituto Europeo per l’Educazione e la Formazione Professionale per l’Ambiente.

Le nuove guide vanno ad aggiungersi al gruppo già operante sul territorio aspromontano, che da tempo “conduce” sui luoghi e sui sentieri, gli appassionati della nostra montagna.

Il corso si è articolato in tre diverse fasi: la prima ha previsto uno stage di una settimana nel Parco Nazionale del Circeo; successivamente, in Aspromonte, i corsisti hanno svolto attività didattiche e formative, sono state approfondite sul campo le conoscenze del territorio del Parco Nazionale e si sono affrontati temi fondamentali, quali la sicurezza dei visitatori ed il primo soccorso in montagna; nella terza ed ultima fase, i corsisti sono stati impegnati a realizzare un project work presso l’Osservatorio della Biodiversità di Cucullaro.

Grazie alla ferma volontà dell’Ente di incrementare la dotazione di guide ufficiali del Parco, sono oggi a disposizione del territorio un gruppo di giovani professionisti che accompagneranno i fruitori dell’area protetta attraverso percorsi di inestimabile valore naturalistico e ambientale, con specifiche competenze acquisite durante il fruttuoso e innovativo percorso di formazione.

Le nuove guide, che provengono dall’intera provincia reggina e tutelano la rappresentanza di genere, si apprestano ad incarnare gli obiettivi che l’Ente si prefigge, attraverso la riscoperta e l’affermazione di una identità aspromontana che possa dare voce alle comunità che storicamente popolano la nostra montagna. Il ruolo delle guide, contribuirà alla valorizzazione complessiva del territorio di cui racconteranno le unicità rappresentandone la storia, la cultura, le tradizioni millenarie e naturalmente la ricchezza di biodiversità.

Commenta l'articolo