21102017Ultime Notizie:

Presentato il progetto “Wheelchair Rugby Catania”

Affollata ed entusiastica ieri nella Sala Stampa del Palacatania di Corso Indipendenza 227 a Catania la presentazione del progetto “Wheelchair IMG_0921Rugby Catania”, nato dall’esigenza di portare anche nel meridione d’Italia uno sport in rapida espansione e dall’enorme potenziale. Al video introduttivo montato da Paolo Scalia, visualizzabile all’indirizzo https://youtu.be/gAT4ZtvjYmI, è seguita una carrellata di interventi aperta e conclusa al Presidente di “Come Ginestre ONLUS”, Salvatore Mirabella, che di concerto con la consociata “All Sporting ASD”, porterà alla nascita del primo team del sud Italia della disciplina nata 40 anni fa tra Canada ed USA come “murderball” e nella quale la “disabilità” è tutto tranne che un “handicap”. Sentito l’intervento, per conto di Unicredit (che ha finanziato l’acquisto delle prime cinque costose speciali carrozzine), di Gabriella Macauda, Direttore Area Commerciale Catania, accompagnata da Fabio Comis, Direttore Unicredit Misterbianco, e da Roberto Vitellaro, Responsabile Territoriale dei rapporti con i media: «Il nostro contributo economico – ha dichiarato Macauda – è stato reso possibile grazie ai fondi raccolti attraverso “Carta Etica”, la carta di credito del Gruppo UniCredit. Ci fa piacere avere fornito un aiuto concreto ad una realtà che da diversi anni svolge un’attività meritoria e particolarmente apprezzata dal territorio nell’interazione diretta con i ragazzi disabili al fine di avviare processi di integrazione ed inclusione». A seguire, l’intervento di Sandrino Porru, presidente nazionale della Fispes, la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali che in Italia gestisce le attività del rugby in carrozzina, che garantirà il massimo supporto all’iniziativa affinché Catania possa diventare teatro anche di grandi eventi internazionali, oltre alle gare dei futuri atleti rossazzurri in carrozzina. Il presidente Porru ha inoltre sottolineato l’importanza dell’accordo di programma con l’Inail, anche sotto il profilo del reclutamento degli atleti, per i quali lo sport paralimpico risulta fondamentale. Gli ha fatto eco il vice presidente nazionale Fispes, l’ibleo Gino Iacono, che insieme al delegato Fispes Luigi Bentivegna ha auspicato la nascita di altri teams nell’isola, con l’obiettivo di un campionato tutto siciliano. Il presidente Porru ha anche riferito i saluti del presidente nazionale del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, che in Sicilia è presieduto da Aldo Radicello, che insieme al suo vice Paolo Puglisi ed al delegato provinciale Claudio Pellegrino hanno garantito la massima sinergia con le Federazioni e con i promotori del progetto. Progetto che gode del patrocinio della Federazione Italiana Rugby e del Comitato Regionale della stessa. A rappresentare la palla ovale erano Orazio Arancio, presidente regionale Federugby, ed Andrea Nicotra, consigliere federale della Federazione. Arancio, nel suo appassionato intervento, ha dimostrato grande entusiasmo ed apprezzamento per la disciplina “sorella” di quella che lui stesso, bandiera degli azzurri fino a qualche anno addietro, ha portato sui massimi palcoscenici europei e mondiali, testimoniando come il “rugby su ruote” nulla ha da invidiare al rugby all’aperto, anzi rappresentando (lo ha fatto raccontando un gustoso aneddoto) finanche un potenziale “avversario” in termini di popolarità: leggendari sono gli incontri di questo sport, che unisce spettacolarità, sacrificio ed originalità, dimostrazione che lo sport entusiasmante e capace di coinvolgere spettatori di ogni tipo, è possibile anche quando a metterlo in campo sono atleti diversamente abili. Intenso il saluto di Nicotra, da sempre vicino ai temi della sensibilità e dell’integrazione. Presente anche Pierluigi Gentile, presidente del San Gregorio Rugby, che ha garantito il massimo supporto all’iniziativa. Ed è sotto gli auspici della comune “casa” che è il consorzio Catania al Vertice che nasce Wheelchair Rugby Catania, ed in questo senso è andato l’intervento di Nello Russo, vertice del consorzio e dell’Orizzonte Catania, che ha sottolineato come Catania al Vertice si stia rivelando anche “incubatore” di nuove e stimolanti iniziative sportive. Di gran peso l’intervento del presidente Ussi Catania, Giacomo Cagnes, che a nome dei cronisti sportivi ha sottolineato l’importanza della nuova era dello sport paralimpico, impegnandosi a che queste discipline trovino le migliori competenze ad occuparsene. Ed ancora un sentito intervento da parte di Elide la Scala, medico ortopedico dell’Unità Spinale Unipolare dell’AO Cannizzaro di Catania, che ha promosso la nascita del Cus Basket in carrozzina, con il quale il team di rugby su ruote collaborerà attivamente; com’è noto le due discipline si completano a vicenda, essendo dirette a differenti utenze: per i paraplegici il gioco a canestro, mentre i tetraplegici puntano all’area di meta. Presenti anche le istituzioni e loro esponenti presenti e passati: il Comune di Catania ha messo a disposizione la sala stampa dell’impianto (che in molti hanno auspicato possa diventare la futura “casa” del rugby in carrozzina), ed era presente anche l’ex assessore Gianni Vasta. Presente anche Federico Lupo, assessore allo Sport del Comune di Misterbianco, che già da tempo sta collaborando attivamente a supporto del progetto. Oltre ai molti atleti di più discipline presenti in sala, spazio anche allo staff della nuova squadra: Massimiliano Maugeri sarà il meccanico del team, forte della sua esperienza nella ITOP, l’azienda fornitrice delle sedie da rugby. Ed è stato presentato anche l’allenatore di Wheelchair Rugby Catania: Antonio Luca Cuddè, rugbysta da atleta, allenatore ed arbitro, si è detto onorato dell’essere stato prescelto per questa nuova avventura, che si inserisce nel solco delle sue molteplici attività, sportive e culturali, al servizio della quale metterà a disposizione le sue note ed apprezzate qualità. Lo stesso si è voluto soffermare su una breve riflessione, basata anche su esperienze personali, sul tema della libertà nella disabilità. Al termine dell’evento, prolungato incontro fra tutti i vertici sportivi presenti, a dimostrazione di come il dialogo sia fondamento di uno sport unito, efficace ed utile.
Adesso è il momento del reperimento delle risorse materiali ed umane: per quanti volessero contribuire come volontari, atleti o con un sostegno economico l’email di contatto è info@comeginestre.it

Commenta l'articolo