15122017Ultime Notizie:

PALERMO: “IO SONO PERSONA, dalla migrazione come sofferenza, alla mobilità come diritto”

Mobilità come diritto, politiche migratorie e una campagna per l’abolizione del permesso di soggiorno saranno i temi trattati nel corso convegno internazionale “IO SONO PERSONA, dalla migrazione come sofferenza, alla mobilità come diritto”, che si terrà a Palermo da venerdì 13 a domenica 15 marzo, presso la sala De Seta, ai Cantieri culturali della Zisa. Simbolo della tre giorni, un’impronta digitale che, come ha sottolineato il sindaco Orlando, “evoca le logiche di sicurezza”. Alla presentazione del convegno, che si è tenuta questa mattina presso la sala degli Specchi di villa Niscemi, insieme al sindaco Leoluca Orlando, hanno partecipato gli assessori alla Cittadinanza sociale e alla Partecipazione Agnese Ciulla e Giusto Catania, il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando e il presidente della Consulta delle culture di Palermo, Adham Darawsha. “Riteniamo sia giunto il momento che Palermo si mobiliti per l’abolizione del permesso di soggiorno, – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – che si mobiliti, cioè, per abolire questo strumento di tortura che costituisce la nuova pena di morte e la nuova schiavitù previste per legge e che trasforma sostanzialmente l’essere umano in un servo del lavoro e il lavoro in un diritto alla vita”. “Come, in passato, – ha continuato il primo cittadino – il proibizionismo serviva a speculare sul traffico di alcool, allo stesso modo, oggiAggiungi un appuntamento per oggi, il permesso di soggiorno viene usato per speculare sul traffico di esseri umani. Chi ha pagato gli scafisti, chi ha perso qualcuno nel Mediterraneo aveva diritto sin dall’inizio a venire in Europa ed è sconvolgente che non ci sia un movimento di massa che dica no alle stragi del Mediterraneo. Ora è arrivato il momento – ha concluso Orlando – di rompere i tabù e di dire ‘Io sono persona’”. “Questo convegno sancisce un diritto inalienabile, il diritto umano alla mobilità – ha dichiarato l’assessore alla partecipazione Giusto Catania – e vuole dare il via ad un percorso, che parte dalla città di Palermo e che è in linea con la sua storia fatta di immigrazioni, contaminazioni, stratificazioni di culture, che possa portare ad abolire il permesso di soggiorno. Noi non scegliamo dove nascere, – ha concluso – ma dobbiamo poter scegliere dove vivere”. “Noi crediamo – ha detto il presidente della Consulta delle culture di Palermo, Adham Darawsha – che la mobilità sia un diritto ancestrale e che il permesso di soggiorno debba essere superato. Una politica migratoria più umana, con leggi che consentano agli immigrati di entrare e soggiornare in modo legale, rappresenta l’unico modo per eliminare tutta la parte disumana e drammatica dell’immigrazione. È questo il messaggio per l’Europa che deve partire da Palermo. Ed è per questo che non posso non ringraziare l’Amministrazione comunale – ha concluso Darawsha – che da quasi un anno lavora, insieme alla Consulta delle Culture, a questo progetto e all’affermazione dei diritti di noi immigrati”.

Commenta l'articolo