20112017Ultime Notizie:

Nazzareno: Il Governo sia più attivo, l’Europa non si giri dall’altra parte lasciando al proprio destino i migranti ed i Paesi che li accolgono

“Il moltiplicarsi degli sbarchi di migranti sulle coste calabresi rende improrogabile l’incisivo intervento del Governo sull’Europa affinché quest’ultima si faccia carico delle proprie responsabilità e, superando gli egoismi nazionali, tracci delle concrete linee guida in modo da porre rimedio ad una situazione che sta diventando insostenibile”. Ad affermarlo è Nazzareno Salerno, consigliere regionale di Forza Italia, che spiega: “Non si può infatti scaricare il peso di un fenomeno dalla portata storica ed extracontinentale su chi si trova a fare i conti, in maniera diretta e immediata, con l’impatto di un’ondata migratoria senza precedenti. Il popolo italiano, ed in articolar modo quello calabrese, è conosciuto per le sue doti di umanità e per la propensione all’accoglienza, tuttavia è abbastanza evidente che gli arrivi, che hanno subito un’impennata straordinaria nell’ultimo anno, non possono essere assorbiti prevalentemente dalla nostra Penisola. Il senso delle proporzioni, tenuto bene a mente quando si tratta di operazioni finanziarie, non sia dimenticato al momento di dare delle risposte in termini umanitari e sociali”. “Appare dunque urgente – argomenta Salerno scendendo nel dettaglio – la predisposizione di una strategia che: a) analizzi i flussi, b) quantifichi esattamente la percentuale di soggetti che sono costretti a fuggire dai loro Paesi a causa di guerre e persecuzioni e quella di chi più semplicemente si trasferisce per migliorare la propria condizione, c) verifichi gli effetti dell’inserimento nella nostra comunità, d) faciliti il confronto e la valorizzazione delle differenze culturali. Il Governo sia più atnazzareno sativo, l’Europa non si giri dall’altra parte lasciando al proprio destino i migranti ed i Paesi che li accolgono. È questo un aspetto chiave: il Governo deve porsi con maggiore forza nel confronto con l’Europa, deve farsi ascoltare sottolineando il ruolo che una grande Nazione come l’Italia ha nel presente ed ha avuto nel passato, manifestando con determinazione le esigenze della popolazione. Perché le famiglie italiane vivono una fase drammatica dettata dalla crisi economica e sono costrette a subire enormi privazioni. E non si spiegano perché è possibile che una mole considerevole di risorse sia impiegata per l’accoglienza dei migranti, mentre i residenti devono sopportare imponenti sacrifici perché ogni giorno viene ribadito che le risorse non ci sono più”. “Serve una svolta – avverte Nazzareno Salerno – ed anche subito, prima che la tensione sfoci in scontri difficilmente controllabili”.

Commenta l'articolo