12122017Ultime Notizie:

MESSINA: STALLI DISABILI PRECISAZIONE DEL DIRIGENTE PIZZINO

In riferimento ad articoli pubblicati nei giorni scorsi su alcuni quotidiani nazionali e locali, il dirigente il dipartimento Mobilità urbana e viabilità, Mario Pizzino, ha precisato: “Mi trovo nella necessità di replicare, mio malgrado, ad alcuni articoli apparsi nei giorni 18 e 19 marzo su alcuni organi di stampa, che mi hanno indebitamente tirato in causa circa un presunto parere fornito da un funzionario dell’Associazione nazionale Comuni italiani a proposito della iniziativa proposta da alcuni consiglieri comunali di adottare un Regolamento che regoli le procedure per assegnare stalli di sosta personalizzati a cittadini disabili. A differenza di quanto surrettiziamente sostengono gli articoli di stampa in questione, il parere suddetto, che peraltro non ho avuto modo di leggere, non ha alcun valore e ripropone se mai il giudizio personale e quindi opinabile, di un dipendente della suddetta Associazione, che non riveste alcun ruolo ufficiale e non possiede, quindi, una specifica competenza istituzionale, non essendo un funzionario pubblico. Attribuire valore cogente a tale parere, è quindi fuorviante e privo di fondamento. Peraltro, come è emerso nel corso della riunione delle due commissioni consiliari Politiche sociali e Viabilità, tenutasi in seduta congiunta il 18 dicembre 2014, l’orientamento di adottare un regolamento consiliare sulla vicenda appare ampiamente minoritario, essendosi in quella circostanza convenuto di sostenere la sottoscrizione di un documento congiunto tra dipartimento Viabilità, associazioni rappresentative dei disabili e Azienda sanitaria provinciale, per procedere collegialmente all’esame di tutte le attività di competenza del Dipartimento che riguardano le persone disabili, compresa quindi la assegnazione di stalli personalizzati. Oltretutto tale soluzione appare certamente più democratica ed efficace, in quanto coinvolgere, a supporto delle decisioni di competenza del Dipartimento, direttamente le Associazioni che rappresentano i disabili e l’ASP, garantisce questi ultimi molto più di un regolamento, che ha necessariamente una valenza generale, non potendo prevedere in dettaglio tutta la casistica che di volta in volta si può presentare. Rispetto alla soluzione che si sta percorrendo, per iniziativa delle Presidenti delle Commissioni consiliari Viabilità e Politiche sociali, quella di affrontare la questione attraverso un regolamento è certamente verticistica ed autoreferenziale, partendo dall’assunto di interpretare le istanze dei disabili meglio di quanto non si possa fare coinvolgendo direttamente le Associazioni che li rappresentano. Mi sembra a tal proposito molto significativo citare il comunicato stampa di qualche giorno addietro del Gruppo consiliare dei Democratici e Riformisti, che sostiene la opportunità di perseguire la procedura definita nelle riunione delle commissioni consiliari del 18 dicembre 2014, piuttosto che quella dell’adozione di uno specifico Regolamento. Oltretutto, a mio avviso, tale eventualità contrasta con la vigente normativa nazionale che regola la materia. A conclusione mi sembra opportuno citare la recentissima nota nella quale i capigruppo consiliari invitano le Presidenti delle Commissioni Viabilità e Servizi sociali a promuovere al più presto un tavolo tecnico, cui partecipino il Dipartimento Mobilità urbana e Viabilità, la Azienda sanitaria provinciale e le Associazioni che rappresentano i disabili, per concordare le procedure per istituzionalizzare l’esame collegiale dei provvedimenti destinati alla assegnazione degli stalli personalizzati, così come convenuto nella riunione congiunta del 18 dicembre 2014, al fine di definire in modo efficace e definitivo l’intera vicenda”.

Commenta l'articolo