25092017Ultime Notizie:

Mediolanum Corporate University in Provincia di Trapani per diffondere la cultura dell’innovazione. Ottimismo e visione sul futuro per trovare idee e opportunità professionali

Cambiamento e innovazione, sviluppo e tecnologia, futuro ed economia: il congresso retroprogresso inarrestabile condiziona in modo nuovo l’approccio al mondo del lavoro.
Si rendono sempre più necessarie una nuova visione e una nuova conoscenza delle dinamiche della società attuale, dei suoi nuovi linguaggi, della sua espansione. Elementi di costruzione di questo percorso nascono dalla conoscenza delle potenzialità del proprio territorio, dei nuovi movimenti del mercato, delle possibilità di collegarsi a realtà più ampie e di creare reti d’azione attraverso le nuove tecnologie.
Questi i temi del seminario gratuito “Centodieci è Progresso” di Mediolanum Corporate University (MCU) che vedrà l’istituto educativo di Banca Mediolanum in provincia di Trapani per diffondere la cultura dell’innovazione e una visione positiva sul futuro, rivolgendosi a imprenditori, professionisti in cerca di occupazione e studenti delle scuole superiori.
Il primo appuntamento sarà ad Alcamo martedì 20 ottobre alle ore 20.30 presso il Teatro Marconi, seguirà Poggioreale giovedì 22 alle ore 20.00 presso l’Aula Consiliare del Comune. “Superare la crisi è possibile. Sempre. La questione è capire come e con chi. Anche nei periodi di maggiori difficoltà restano le persone quelle che fanno la differenza. Bisogna creare una rete virtuosa fatta di fiducia in se stessi, buone idee, competenze specifiche, e conoscenza delle nuove tecnologie – dichiara Oscar Di Montigny, Direttore Marketing, Comunicazione e Innovazione di Banca Mediolanum – Per dare il via al rilancio bisogna lasciarsi alle spalle i modi tradizionali di trovare e creare lavoro. Pensare un’azienda o una professione nel futuro non può prescindere da idee innovative, dall’agire concreto basato sullo studio, sull’acquisizione di specializzazioni e sull’ispirazione a modelli d’eccellenza.

 

Commenta l'articolo