15102018Ultime Notizie:

L’Italia dalle opere incompiute

Signore e Signori ecco a voi l’Italia dalle opere incompiute! Problema esistente da nord a sud indifferentemente e che di anno in anno aumenta. Nel 2013 le opere incompiute in tutta Italia erano 692 e nel 2014 sono arrivate a quota 868.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/58/Cantiere_Tor_Vergata_2013.jpg/1280px-Cantiere_Tor_Vergata_2013.jpg

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/58/Cantiere_Tor_Vergata_2013.jpg/1280px-Cantiere_Tor_Vergata_2013.jpg

La Sicilia detiene il record di opere incompiute ben 215 mai terminate!
Il Codacons spiega che per ogni famiglia italiana il costo per finanziare queste opere si attesta sui 166 euro a famiglia, lo spreco complessivo è di 4 miliardi e attualmente servirebbero 1,4 miliardi per completarle.
In Abruzzo le opere incompiute sono passate da 33 nel 2013 e 40 del 2014 e ancora peggio in Calabria, dove le opere incompiute nel 2013 erano 64 e nel 2014 sono passate a 93. In Lombardia invece in un anno le opere incompiute sono passate da 19 a 35 e anche la Puglia non scherza, nel 2013 le opere incompiute erano 59, mentre nel 2014 ben 81. Queste infrastrutture hanno sottratto molti soldi ai contribuenti i quali hanno finanziato progetti negli anni ‘60 che poi sono stati lasciati in stato di abbandono: porti inaugurati e mai utilizzati, strade che non porteranno mai da nessuna parte perché sono state lasciate a metà e ancora strutture inutilizzate a causa degli elevati costi di gestione.
Senza dubbio il record dello spreco spetta alla città dello sport di Tor Vergata a Roma costata ai contribuenti 607 milioni di euro e oggi ciò che resta è lo scheletro della Vela Calatrava che è una mostruosità urbana che danneggia la città e chi risiede nella zona. Questo è un fenomeno che attraversa tutta l’Italia da nord a sud e accomuna regioni moderne come la Lombardia e il Veneto ma anche le aree meno sviluppate del mezzogiorno e ciò dimostra degli sprechi non dipendono dei colori politici nè dalle differenze territoriali. E come dice Renzi i miliardi che finora sono stati spesi per queste opere incompiute avrebbero potuto abbattere la pressione fiscale per tutti i cittadini con benefici immensi per tutta la collettività e anche per l’economia nazionale mentre oggi devono pagare l’Imu e la Tasi .

 

Smiriglia Serena

Print Friendly, PDF & Email
Commenta l'articolo