23082017Ultime Notizie:

L’ARTISTA YUVAL AVITAL CERCA FIGURANTI PER LA SUA NUOVA OPERA

l 17, 18 e 19 febbraio arriva sull’Etna per girare alcuni video che comporranno un importante progetto creativo in mostra il prossimo autunno

Yuval Avital, noto artista visivo e sonoro, compositore e regista di fama internazionale, arriva in Sicilia per realizzare un progetto visionario che art albero uccha come protagonista l’Etna. Gli abitanti dei comuni etnei sono invitati a partecipare a tre momenti collettivi durante i quali saranno effettuate alcune riprese video che diventeranno parte dell’opera icono-sonora che l’artista sta realizzando con il sostegno di Cusumano Masterpieces.

L’opera, patrocinata dall’INGV – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dall’Ente Parco dell’Etna sarà in esposizione a Milano in autunno.

Tutti coloro che avranno piacere a comparire nell’opera possono presentarsi in uno dei momenti collettivi programmati:

 

  • venerdì 17 febbraio ore 14 presso il Rifugio Ragabo, Strada Mareneve, Linguaglossa
  • persone di ogni età e sesso (inclusi bambini e anziani)

 

  • sabato 18 febbraio ore 10 presso Piano Provenzana, Linguaglossa ingresso parcheggio
  • donne dai 15 ai 90 anni totalmente vestire di nero

 

  • domenica 19 febbraio ore 11,30 presso Piazza Umberto, adiacente al Castello Normanno, Adrano
  • persone di ogni età e sesso (inclusi bambini e anziani)

 

L’artista tornerà nuovamente in Sicilia ad aprile per collaborare con le bande musicali e i suonatori locali.

Per informazioni scrivere a tremorearmonico@gmail.com

 

 

Yuval Avital

Negli ultimi anni l’artista abbraccia un mondo di installazioni sonore e visive – performance collettive che coinvolgono numerose persone nella creazione di rituali contemporanei, opere ‘icono-sonore’, quadri multimediali dal fortissimo impatto emotivo – e sfida le tradizionali categorie cristallizzate che separano le arti.

Con Alma Mater – installazione a grande scala per 140 altoparlanti, ha ricreato, in dialogo con il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, l’archetipo della grande madre; con gli scienziati della NASA ha trasformato il chiostro di un ex-convento in un labirinto elettronico di traduzioni sonore dello spazio elettromagnetico; con le Nazioni Unite ha portato i visi silenziosi e potenti dei rifugiati su prestigiosi palchi; per l’opera Dirty Corner dell’artista Anish Kapoor ha stupito con un suono materico formato da 45 tube contrabbasso.

Il futuro prossimo, oltre a concerti di grande rilievo, lo vede al lavoro per numerose nuove installazioni visive e sonore, in Italia e all’estero.