14122017Ultime Notizie:

La stagione balneare ha avuto inizio l’1 aprile e si concluderà il 31 ottobre

1315691884ae75903c2fdd9_61847595-1256675587Quest’anno la stagione balneare ha avuto inizio l’1 aprile e si concluderà il 31 ottobre, lo stabilisce il decreto assessoriale del 3 marzo 2015.

Il programma di campionamento delle acque di mare nei 127 punti di balneazione della provincia di Siracusa è stato avviato nell’ultima decade di marzo per confermare lo stato di buona salute delle aree autorizzate alla balneazione e verificare se rispetto all’ultimo controllo non siano intervenuti fattori inquinanti.

Le analisi preliminari finora effettuate dal Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Asp di Siracusa diretto da Nunzia Andolfi sui campioni prelevati nel mese di marzo dai tecnici della Prevenzione dell’Azienda, sono risultate tutte conformi ai limiti di legge, confermando la buona qualità delle acque di balneazione della provincia di Siracusa.

Il monitoraggio delle acque di mare proseguirà per tutta la durata della stagione balneare, con campionamenti mensili e solo in caso di valori anomali, il campione verrà ripetuto per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante e le eventuali cause.

Non ci sono novità sulle aree balneabili rispetto all’anno precedente in nessuna zona della provincia.

Come ogni anno i risultati delle analisi effettuate sulle acque di balneazione verranno inseriti mensilmente nel “Portale acque di balneazione” del Ministero della Salute e potranno essere consultati da tutti i cittadini attraverso il sito web www.portaleacque.salute.gov.it per tutta la durata della stagione balneare.

Il portale acque ministeriale rappresenta un facile mezzo per conoscere in tempo reale la qualità delle acque balneabili su tutto il territorio nazionale, l’utente infatti nella sezione Acque di balneazione del Portale, cliccando sulla regione desiderata, quindi sulla provincia e poi sul comune, potrà accedere facilmente a tutte le informazioni relative alla qualità delle acque di balneazione della zona balneare di interesse.

Attraverso una grafica di semplice comprensione, che utilizza le ortofoto di Google Maps, viene infatti visualizzato il tratto di mare con tutte le informazioni relative alla balneabilità, compresi i risultati delle analisi più recenti.

Da quest’anno, inoltre, sempre sul portale acque, è possibile consultare il cosiddetto profilo delle acque di balneazione, un forma di carta di identità dell’area balneare, disponibile in formato pdf.

In pratica sarà possibile ottenere una serie di utili informazioni, come la conformazione fisico-geografica dell’area, la facilità di accesso al mare, l’eventuale presenza di lido attrezzato, la possibilità di accesso per gli animali, ecc. Informazioni utili per il cittadino e per il turista per facilitare la scelta della zona ideale, spiaggia o scoglio, dove fare il bagno.

Attraverso il portale acque il cittadino svolge un ruolo attivo e partecipato, infatti oltre alla possibilità di ricevere informazioni, può egli stesso effettuare segnalazioni su qualsiasi anomalia si verifichi nel corso della stagione balneare e ancora comunicare suggerimenti di cui verrà tenuto conto, nell’ottica di un continuo miglioramento della qualità delle acque di mare e di una maggiore sicurezza per la salute dei bagnanti.

Commenta l'articolo