21082017Ultime Notizie:

Istituita la Consulta per la comunicazione della Scienza e della tecnologia Nominato il dott. R. Sartini

La Direzione Nazionale dell’Associazione ANAS ha deliberato l’istituzione della “Consulta Nazionale per la Comunicazione ANAS_ConsultaScienzaTecnologiadella Scienza e della Tecnologia”. La Direzione, valutata la disponibilità dell’Dott. Renato Sartini, Socio ANAS, giornalista scientifico ed esperto in comunicazione della scienza, ha proceduto alla nomina dello stesso quale Presidente.

«Tra i Paesi più industrializzati del mondo» ha dichiarato Sartini, «l’Italia è quella che più di tutti sta risentendo della crisi economica globale. Tra le cause, oltre al ritardo nell’applicazione  di politiche a favore della ricerca di base e applicata, che sono alla base dell’innovazione tecnologica, vi è anche la mancanza di una cultura scientifica nella popolazione, e una pericolosa tendenza alla svalutazione dei saperi che si palesa, soprattutto, in una scarsa conoscenza dell’importanza della ricerca e dei suoi attori per il rilancio del sistema Paese. Un altro segnale negativo di ciò che sta accadendo alla ricerca italiana e al sistema produttivo» ha sottolineato il neo Presidente «è anche il drammatico calo delle iscrizioni ai corsi universitari a carattere scientifico e tecnico».

L’ANAS, riconoscendo nei temi della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica indicati dal Presidente Sartini quali punti cruciali per il rilancio del Paese, ha ritenuto fondamentale l’istituzione della Consultacon la quale si prefigge di realizzare attività di comunicazione pubblica della scienza, ovvero di tutte quelle attività di divulgazione e trasmissione di contenuti scientifici rivolto al pubblico dei non esperti e destinate a una maggiore comprensione di concetti, principi e argomentazioni. Per dare più forza alla Consulta, la stessa è stata pensata ispirandosi ai principi che sono alla base dell’istituzione da parte dell’Unione Europea dell’azione Science with and for Society all’interno del programma di finanziamento per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020. Con Science l’UE ha voluto rafforzare le azioni utili e necessarie per raggiungere l’obiettivo di approfondire la cooperazione tra scienza e società nonché promuovere una ricerca e un’innovazione responsabile, una cultura ed educazione scientifica e rafforzare la fiducia del pubblico nella scienza favorendo un impegno dei cittadini e della società civile sulle questioni di ricerca e innovazione.

«I più recenti dati Audipress mettono in evidenza che il maggior lettore di quotidiani e riviste da pc, tablet o smartphone è il segmento socio-professionale più qualificato della popolazione italiana, cioè quello più istruito e benestante: sono più del doppio della media generale» conclude Sartini. «Ciò mette in evidenza che neanche le nuove tecnologie, ormai diffuse, riescono a veicolare l’informazione su scienza e tecnologia in maniera efficace verso tutti gli strati sociali. Quali che siano le ragioni, certamente da approfondire, è un fatto che scienza e tecnologia siano, a oggi, argomenti d’élite. Motivo per il quale la mia azione nella Consulta avrà come obiettivo principale lo “sdoganamento” verso la media generale della popolazione di contenuti informativi che riguardano, invece, tutta la società. Questo nell’interesse dello sviluppo economico e sociale del Paese».

Commenta l'articolo