20092017Ultime Notizie:

Economia: previsioni ottimistiche per il Natale 2015

Previsioni ottimistiche per il Natale 2015 da parte di Confcommercio, che prevede una spesa di 10 miliardi ( 116 euro a persona ) per queste feste; si tratta di un 5% in più rispetto all’anno scorso, grazie all’aumento dell’1,6% nataledell’ammontare delle tredicesime.
Del resto emblematico è il caso riguardante la chiusura del negozio online di Iginio Massari, uno dei mostri sacri della pasticceria italiana, causata dal boom di richieste, impossibili da soddisfare data la sua caratteristica produzione artigianale, del suo leggendario panettone. Panettone definito leggendario quanto “caro”, in quanto il prezzo oscilla dai 32 ai 33 euro al kg, ma che chi ha avuto la fortuna di assaggiare ne giura che l’eccellenza data dagli ingredienti giustifica appieno il costo.
In realtà altri recenti dati ben più scoraggianti di Confcommercio ci rivelano quando ad ottobre l’indice di disagio sociale sia salito a 19,5 dal 19,3 ( +0,2 ), mentre la disoccupazione estesa sia rimasta stabile a 15,4%; a tal proposito il Misery Index di Confcommercio rivela che “Il modesto peggioramento rilevato nell’ultimo mese, dopo un trimestre di progressivo miglioramento, riflette una tendenza alla stabilità della disoccupazione estesa ed una diminuzione dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto più contenuta rispetto ai mesi precedenti”.
A questo punto si può parlare di buone notizie sia per le tasche dei fortunati italiani possessori di tredicesima, che per i commercianti, i quali, in attesa dei saldi invernali che partiranno in tutta Italia martedì 5 gennaio ( con la sola eccezione della Sicilia che darà il via libera ai saldi sabato 2 gennaio ), potranno tirare un sospiro di sollievo e sperare di chiudere l’anno con un bilancio il più positivo possibile.

Maria Valentina Pasta

 

Commenta l'articolo