20112017Ultime Notizie:

Dove è sicuro andare?

All’indomani degli attentati che stanno scuotendo il mondo, gli italiani sono spaventati al punto che, secondo un recentissimo sondaggio, 8 persone su bruxelles10 sarebbero disposte a rinunciare a parte della libertà individuale (o a vedere applicate misure straordinarie) in cambio di maggiore sicurezza.
Meno clienti, in questi giorni, affollano anche i ristoranti e i locali notturni, soprattutto al centro delle grandi città.
L’allarme terrorismo cambia le abitudini degli italiani che si sottomettono a più accurati controlli: negli aeroporti, nelle stazioni, negli stadi o ai concerti. Nelle città è palpabile la presenza di un numero maggiore di forze dell’ordine, accolta da molti con piacere.
La tendenza per le vacanze di Natale di quest’anno, sarà quella di trascorrerle in famiglia e, soprattutto, in Italia; niente Capodanni in piazze estere.
Ma, per chi non vuole rinunciare alle vacanze con sole e al caldo, Cuba e Messico sono le mete più gettonate, a spese del Mar Rosso che ha subito l’ennesimo tracollo. Il governo inglese, dopo le rivelazioni della Cia sulle responsabilità dell’Is nell’attentato nei cieli del Sinai egiziano, ha stabilito la chiusura immediata di tutte le rotte aeree fra la Gran Bretagna e Sharm el-Sheikh. Hanno bloccato i voli da e per Sharm el-Sheik anche la compagnia Easyjet e il governo olandese.
Il punto di riferimento istituzionale è la Farnesina, con un sito (www.viaggiaresicuri.it) che mette a disposizione indicazioni e consigli. Nella black list, al momento, figurano Siria, Iraq, Libia, Yemen.
Ovviamente non è possibile affermare che ci siano Stati sicuri al cento per cento.
Mauro Masic, presidente dell’Associazione italiana professionisti security aziendale, consiglia ai viaggiatori di “escludere dalle mete l’intero Medio Oriente” privilegiando “Canada, Nord Europa, Gran Bretagna, Usa, anche se nessun luogo è del tutto immune da rischi”.
I ricercatori indipendenti dell’Institute for economics and peace, hanno assegnato all’Islanda la palma della nazione più pacifica, seguita da Danimarca, Austria, Nuova Zelanda, Svizzera, Finlandia, Canada, Giappone, Australia e Repubblica Ceca.
Valentina G.

Commenta l'articolo