17122017Ultime Notizie:

COSENZA: Torna al Morelli “La stanza della memoria”

spettacoli_banner001_lastanzaPer l’ultimo appuntamento del cartellone di teatro contemporaneo del “More”, torna in scena a vent’anni dal debutto uno spettacolo storico della Compagnia Scena Verticale, La stanza della memoria di e con Saverio La Ruina e Dario De Luca (direttori artistici del gruppo), in un evento speciale per il Teatro Morelli.

Lo spettacolo – in scena venerdì 24 aprile (ore 21) – ripercorre con affettuosa ironia la storia di una comunità sociale calabro-lucana nel periodo compreso tra gli anni ’30 e gli anni ’80 del novecento. Saverio e Dario, nipoti della ormai vecchia Francesca, ci accompagnano in un itinerario emozionale dall’incontro d’amore tra Paolo e Francesca all’emigrazione di lui in Argentina. L’attesa è anche il pretesto per seguire gli avvenimenti e i mutamenti all’interno di una cellula sociale calabro-lucana, rispetto al flusso della Storia: il mondo contadino e il suo crepuscolo, l’avvento del mondo industriale, l’emigrazione, la mutazione dei valori, il passaggio generazionale, l’epoca del boom con nuove dinamiche sociali e con culti e modelli emergenti. Lo sviluppo della vicenda corre parallelo al decorso della malattia di Francesca. L’esasperazione di fronte l’ostinato rifiuto delle medicine viene restituita nella metafora ironica ed efficace della crescita abnorme del suo piede malato. L’ingombro cresce inesorabilmente, a dismisura, fino a “mangiarsi” l’intera immagine della donna ormai vecchia, della quale possiamo soltanto intuirne la presenza dietro l’enorme fasciatura, che prelude ad una specie di comico, ma anche sinistro monumento funebre.

“L’avvento della società moderna – è la riflessione di La Ruina e De Luca – travolge una cultura ormai necessariamente alla fine, ma senza portare con sé, o meglio senza riuscire a crearsi quei valori che avrebbero dovuto costituire l’ossatura della moderna società civile. Nella cultura contadina, l’individuo che affronta la tragedia trova forza e sostegno in un insieme coerente di valori e persone; nel mondo moderno la tragedia è smarrimento, sospensione nel vuoto. Lo spettacolo intende verificare nell’evento teatrale i valori tradizionali alla luce dei valori contemporanei, e viceversa”.

Commenta l'articolo