19112017Ultime Notizie:

CATANZARO: DEBLATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE

“È stata ultimata la prima fase degli interventi di disinfestazione e deblattizzazione segnalati e programmati dall’Amministrazione comunale ed eseguiti dai tecnici dell’Asp”.

Lo ha comunicato il consigliere comunale delegato all’igiene e all’ambiente, Eugenio Riccio, specificando che le operazioni si sono focalizzate su diversi punti del territorio del Capoluogo regionale sulla base delle richieste avanzate al settore competente di Palazzo De Nobili da parte dei cittadini.

Dal 15 maggio al 15 giugno è stata effettuata la deblattizzazione nelle zone di Corvo, Aranceto, viale Isonzo, Lido, Fortuna, Siano, Pontegrande, Pontepiccolo, San Leonardo, centro storico, Cava, Santo Janni, Mater Domini e Gagliano.

Nello stesso periodo sono stati disinfestati i quartieri Siano, Stadio, Lido, Pontegrande, Pontepiccolo, San Leonardo, centro storico, rione De Filippis, Santa Maria, Cava, Santo Janni, Mater Domini, Gagliano, Aranceto e Corvo. La derattizzazione è stata effettuata in via Livorno, nel quartiere marinaro.

“Gli interventi effettuati dall’Azienda sanitaria provinciale – ha sottolineato Riccio – rappresentano soltanto una prima parte, che potremmo definire di “riscaldamento”, di una più ampia programmazione che coinvolgerà tutto il territorio. Per questo motivo è necessario ribadire che è fortemente richiesta la collaborazione dei cittadini, che devono essere le sentinelle dell’amministrazione e potranno segnalare al settore igiene ambientale del Comune ogni esigenza, richiedendo interventi di deblattizzazione, derattizzazione e disinfestazione agli uffici. In base a queste segnalazioni il settore competente potrà stilare, insieme ai tecnici dell’Asp, un piano di interventi mirato che possa essere inserito nella seconda fase delle operazioni, più massiccia della prima, che verrà rosa nota non appena completato il quadro generale”.

Per le segnalazioni il numero di telefono del settore igiene ambientale 0961-881810 o l’email igieneambientale@comune.catanzaro.it.

Commenta l'articolo