19082018Ultime Notizie:

Astrologia: disciplina a metà strada tra religione e psicoterapia

Print Friendly, PDF & Email

L’astrologia è una disciplina che studia in maniera completa e approfondita l’incidenza degli archetipi e l’influenza dell’oroscopo nella realtà di ogni giorno.

Conosciuta fin dall’antichità, l’astrologia possiede una connotazione esoterica che la rende affascinante e misteriosa; il suo fulcro sta nell’interpretazione dell’oroscopo, un grafico che riporta la posizione dei diversi pianeti al momento specifico della nascita di una persona.

l termine “oroscopo” deriva dalla lingua greca “horoscopos” e significa: osservare l’ora; anche nell’accezione latina la parola conserva il medesimo significato: “horoscopus” significa “ciò che indica il tempo”.

L’invenzione dei dodici segni dello Zodiaco risale al 600 a.C.: sono stati i Babilonesi ad inventare questi simboli corrispondenti ai dodici mesi dell’anno, utilizzati ancora dalla moderna astrologia; alcuni dei segni zodiacali ricordano oggetti di uso comune in un lontano passato.

La Terra gira intorno al Sole compiendo un’orbita ellittica e gira su stessa, intorno ad un asse che ha una certa inclinazione rispetto al piano dell’orbita: questo movimento fa si che il Sole si muova lungo una traiettoria definita “eclittica”. In qualsiasi mappa del cielo sono rappresentate tantissime costellazioni: sono disegni realizzati unendo le diverse stelle. Tra queste costellazioni ve ne sono 12 note, quelle dello zodiaco, legate al sorgere del Sole in determinati periodi dell’anno: le costellazioni dello zodiaco sono quelle posizionate a cavallo dell’eclittica in cui il Sole sorgerà, in periodi diversi, durante il corso dell’anno.

Gli studiosi di astrologia babilonesi aprirono botteghe per diffondere le loro conoscenze, ma con l’avvento del Cristianesimo vennero considerati alla stregua dei pagani, e quindi giudicati con ostilità.

L’astrologia comincia a diffondersi in tutta Europa con le Crociate per poi arrivare all’apice della diffusione dopo la prima guerra mondiale, quando comincia ad apparire sui giornali la pagina quotidiana dedicata all’oroscopo.

Oggi almeno il 90% delle persone conosce a quale segno zodiacale appartiene, e in molti si rivolgono agli astrologi per conoscere il proprio futuro: esistono tantissimi “sistemi astrologici” diversi tra loro e spesso contraddittori, appartenenti a varie culture anche piuttosto antiche (per esempio, l’oroscopo cinese).

L’astrologia, infatti, pur studiando il movimento dei pianeti e basandosi su elementi di astronomia, non è una scienza e non ha neppure l’ambizione di esserlo; fondandosi su quella che gli psicologi chiamano “validazione personale”, siamo tutti portati a ricordare ciò che va bene per noi tralasciando gli aspetti che non combaciano.

Secondo gli psicologi questa “lettura a freddo” è capace di influenzare le persone.

Gli oroscopi sembrano essere una risposta per come ci andranno le cose in campo affettivo, in campo lavorativo ed economico ed anche come sarà la nostra salute; inoltre classificano le persone in dodici categorie ognuna delle quali contraddistinta da caratteristiche comuni di comportamento.

La scienza da sempre nutre forti dubbi sull’affidabilità dell’astrologia, considerata una disciplina a metà strada tra religione e psicoterapia.

Ma chi sono gli astrologi? Nell’antichità erano persone che svolgevano il ruolo degli oracoli, scelti per motivi di credenze particolari, in base alla fantasia che avevano nel formulare previsioni.

Anche oggi, gli astrologi danno indicazioni vaghe e che difficilmente potrebbero non avverarsi e non vi e’ nessuna motivazione scientifica per credere che stelle distanti anni luce tra loro, possano in qualche modo interagire e soprattutto influenzare pesantemente il carattere di una persona.

 

Valentina G.