21022018Ultime Notizie:

ANAS e ASL del Liceo Fermi di BARI: La seconda tappa di questo percorso è stata guidata dalla direttrice dell’emittente radiofonica RadioPuglia

Oggi l’utilità dell’alternanza  scuola-lavoro è divenuta una questione di primaria importanza per il futuro dei giovani. L’immaginario collettivo studentesco è  diviso in due scuole di pensiero: la prima manifesta periodicamente per l’abolizione del DL 107/2015, l‘altra per la riqualificazione dello stesso. La sede A.N.A.S. di Bari offre l’opportunità ad una classe del Liceo Fermi di Bari di effettuare un percorso di alternanza incentrato sul giornalismo sociale. Nelle prime due lezioni gli studenti  hanno collaborato con due esperti in ambito giornalistico e radiofonico, sotto la guida dei quali hanno steso i loro primi elaborati. La partecipazione al corso, anche se imposta alla classe, si sta rivelando utile per testare l’efficacia dell’alternanza di gruppo; negli anni scolastici 2015/16 e 2016/17 la scelta individuale del percorso da parte dello studente si è rivelata vera causa scatenante di numerosi disagi all’interno del sistema scolastico.

Gli studenti sono interessati a questo progetto, nonostante quest’ultimo non sia prettamente inerente al loro indirizzo di studi. Con grande sorpresa alcuni di loro hanno  rivalutato e scoperto la propria propensione a questa professione, grazie alle sollecitazioni fornite dai succitati esperti. Stimolante è stato il colloquio tenuto dal giornalista di una testata Monopolitana nel corso del primo incontro: egli ha fornito le basi necessarie e i trucchi per essere un giornalista valido e competente. La seconda tappa di questo percorso è stata guidata dalla direttrice dell’emittente radiofonica RadioPuglia; la quale ha coinvolto gli studenti nella realizzazione di uno spot pubblicitario riguardante l’A.N.A.S. e di un radiogiornale. Di primaria importanza è stata la presenza del direttore della sede regionale e dell’organizzatrice del progetto, che hanno seguito e assistito gli studenti. Il programma prevede lezioni pratiche e un incontro con un giornalista di una testata nazionale con conseguente esperienza di reportage presso il centro diurno.

Articolo elaborato da: Danilo Di Caterino, Claudio Fanelli, Niccolò Ferrara, Alessandro Loiacono,  Daniele Hoxha e Mattia Sassi.